Le allergie respiratorie

Una malattia cronica che può aggravarsi nel tempo

L’allergia respiratoria è il risultato di una disfunzione del sistema immunitario che genera una reazione anomala nell’organismo al contatto con sostanze inoffensive presenti nell’aria, gli allergeni. I principali allergeni respiratori sono gli acari, i pollini, i peli di animali e le muffe. Quando vengono inalati possono provocare reazioni infiammatorie a livello di naso, occhi, gola e bronchi, e si parla quindi di rinite o di asma allergico. L’allergia respiratoria è una malattia che può aggravarsi nel tempo e sviluppare complicazioni.

In Europa, una persona su cinque affetta da allergia respiratoria soffre di una forma seria della malattia, definita come  «moderata-grave».1 L’allergia può provocare delle complicazioni a livello della sfera otorinolaringoiatrica (naso, gola, orecchie) e delle basse vie respiratorie (bronchi):

  • Infiammazioni ed infezioni: otiti, sinusiti, tonsilliti, soprattutto nei bambini2
  • Apnea notturna e sue conseguenze: sonno disturbato, stanchezza cronica…3
  • Asma nel 40% dei casi; l’80% dei casi di asma sono di origine allergica.4

Nei casi più gravi i sintomi allergici compromettono la qualità del sonno5 e portano quindi a stanchezza e disturbi di concentrazione.6

Circa il 70% dei pazienti che soffre di rinite allergica pensa che la propria  malattia disturbi la propria vita quotidiana.7
I bambini allergici possono andare incontro a difficoltà nella vita scolastica a causa della loro allergia. Le conseguenze dell’allergia (irritabilità, stanchezza, mancanza di attenzione, difficoltà di concentrazione, disturbi del sonno e sonnolenza diurna) possono compromettere la memoria a breve termine dei bambini allergici.8

Le allergie respiratorie influiscono anche sull’attività lavorativa, al punto da essere la prima causa di perdita di capacità produttiva al mondo, prima delle malattie cardiovascolari.9,10

 

 

 

1 WAO White Book on Allergy, Update 2013
2 Sih T, Mion O. Allergic rhinitis in the child and associated comorbidities. Pediatr Allergy Immunol 2010: 21: 107–113.
3 Koinis-Mitchell D, Craig T, Esteban CA, Klein RB..Sleep and allergic disease: a summary of the literature and future directions for research. J Allergy Clin Immunol. 2012 Dec;130(6):1275-81
4 Blaiss MS. Rhinitis-asthma connection: epidemiologic and pathophysiologic basis. Allergy Asthma Proc 2005; 26: 35–40
5 Marshall PS. et al. Effects of seasonal allergic rhinitis on fatigue levels and mood. Psychosom Med. 2002;64:684-91.
6 Bender BG. Cognitive effects of allergic rhinitis and its treatment. Immunol Allergy Clin North Am. 2005;25:301-12
7 Valovirta E et al. The voice of the patients: allergic rhinitis is not a trivial disease. Curr Opin Allergy Clin Immunol. 2008;8(1):1-9. Review.
8 Walker S. et al., Seasonal allergic rhinitis is associated with a detrimental effect on examination performance in UK teenagers: Case control study, 2007 American Academy of Alergy, Asthma & Immunology 
9 EFA Book on Respiratory Allergy in Europe: Relieve the Burden, 2011
10 Meltzer EO, Gross GN, Katial R, Storms WW. Allergic rhinitis substantially impacts patient quality of life: findings from the Nasal Allergy Survey Assessing Limitations. J Fam Pract. 2012;61:S5-10.